Brazolà, la dolce focaccia della tradizione

Ott 02 2019

Brazolà, la dolce focaccia della tradizione

La cucina di montagna di una volta si basava su piatti semplici, preparati con i pochi prodotti che si trovavano a disposizione. Ma alla povertà degli ingredienti non corrispondeva altrettanta povertà di gusto, anzi! Alcune ricette sono talmente buone che si tramandano ancora di madre in figlia e vengono proposte nei ristoranti o nelle pasticcerie.

Una di queste è la ricetta del “brazolà”, una focaccia dolce intrecciata e cosparsa di granella di zucchero, composta a cerchio con un buco nel mezzo, proprio come un abbraccio. Era il dolce dell’invito a nozze.  Gli sposi andavano personalmente a fare gli inviti e separatamente: ciascuno dai propri invitati. Era usanza nell’occasione portare in omaggio un brazolà con al centro 5 carafoi (crostoli) e 5 confetti.

Oggi questo dolce viene preparato in ogni occasione e lo si trova disponibile tutto l’anno nelle pasticcerie. Ci sono ancora donne ampezzane che lo preparano in casa, non solo per le feste ma anche per la colazione di tutti i giorni o un’ottima merenda per i propri bambini.

Facendo una ricerca abbiamo trovato un’interessante documentazione sulla preparazione di questo dolce pubblicata sul Notiziario delle Regole d’Ampezzo nel 2015 (info@regole.it)

Condividi